Passa ai contenuti principali

[SERIE REVIEW] ORANGE IS THE NEW BLACK (S.4)


Non la migliore serie di sempre, non un capolavoro di quelli che sei talmente hyppato che aspetti le nuove puntata con la bava alla bocca. Eppure, oh, le ragazze di Litchfield un po' mancavano e il 17 giugno quando su Netflix è andata online la nuova season, chiusa epica davanti alla TV.
Orange is The New Black, mi son reso conto, è diventato per me quello che Sentieri era per mia nonna. Non mi entusiasma e non scatena quelle robe alla Game of Thrones prima mandata tipo fanculo la cena con gli amici che devo correre a casa ma è una serie che si è ritagliata il suo spazio nel mio cuoricino. Sarà che di base prima, seconda e terza stagione me le sono sparate sostanzialmente di seguito in pochissimo tempo ma il risultato è che le protagoniste, tra alti e bassi, tenevano compagnia. Parlo di protagoniste perchè se all'esordio tutto ruotava su Piper Chapman (il personaggio costruito da Piper Kerman, autrice del libro da cui è tratta la serie), ora finalmente si può dire che tutte le detenute sono diventate, de facto, personaggi centrali. Questo passaggio era già iniziato con la seconda stagione in realtà, confermandosi con la terza e diventando, finalmente, il filo conduttore dell'ultima. Piper, come si era già detto, è stata a tratti uno dei punti deboli delle precedenti season, caratterizzate da piccoli approfondimenti sulle diverse storie dietro molte altre delle inquiline della prigione, molto più stimolanti. Lo spazio concesso alla svampita biondina dunque è ora molto minore e l'effetto è che anche lei è tornata ad essere interessante essendo somministrata in piccole dosi, nelle vesti tra l'altro di navigata business woman ormai dedicata al suo traffico di mutandine usate. Un traffico che alimenterà una nuova faida intorno alla quale si svilupperanno nuove vicende soprattutto legate alle latine contrapposte alle bianche per il dominio del carcere. Sullo sfondo anche diverse trame secondarie appassionanti come quella di Alex, Lolly e Red e dell'orto dei segreti. Nel complesso, questi nuovi 13 episodi sono sostanzialmente i migliori dell'intero lotto e Netflix ha già confermato ben altre 3 stagioni per il futuro. Sempre più arancione.


VOTO 8/10