11 marzo 2014

DRAGO D'ORO 2014: ESCO DALL'UFFICIO


L'anno scorso è stata la prima volta del nostrano evento dedicato al meglio dei videogiochi. L'anno scorso, di questi tempi, avevo certi cazzi che la metà bastava e non sono andato, anche perchè la festicciola, teneva banco in quel di Milano. L'anno scorso, abbiamo chiacchierato con un po' di gente di IndieVault della manifestazione e delle cose che si potevano migliorare. L'anno scorso, soprattutto, ero infognato con la GDC pensando di fare uno studio che poi non ho più fatto, fino a trovarmi ad un passo dall'estero per poi arrivare alla situazione che con i mesi si è trasformata in Storm in a Teacup. Di NERO abbiamo già parlato nel post precedente e, fidatevi, nei prossimi giorni ci sarà da chiacchierare parecchio (nel mentre i primi shots in-game li potete vedere sul sito o su Facebook). A questo punto pensiamo a stasera, dopo 15 giorni in ufficio dal mattino alla notte. Si esce, si va, si vede gente. Tanti amici, qualche presenza inutile e uno spettacolo che AESVI sembra avere organizzato al meglio. Più spazio agli italiani, una roba che mi diverte parecchio considerando le tante nomination per Lupo Solitario che alla fine è venuto un bel gioco (ora posso dirlo più serenamente visto che nel mentre ho risolto i problemi con Reply che pare proprio mi infilerà nel Licensing del prodotto tra i credits visto che di quello mi sono occupato). Spazio pure per Dream Chamber che mi riempie di orgoglio anche perchè il gioco è stato finanziato dalla stessa Reply, nel pacchetto di titoli DarkWave che ho portato in azienda e che ho deciso di mettere in portfolio. Peccato che poi sia passato in mano a Microids per una serie di motivi ma di quelli poco interessa. Previsioni? Vince tutto Lone Wolf, conoscendo i giurati e i loro gusti e le cose scritte nel tempo. O quasi. Per il miglior gioco se la batte con MirrorMoon che all'estero è andato bene, è su Steam ed è figherrimo, ma non penso ci sia storia. Se per la realizzazione tecnica non vincesse Assetto Corsa (che fa spavento), i giurati farebbero meglio a cambiare mestiere (che poi vabbè, spero che Antonio non mi voglia male ma Mayday lì in mezzo non c'entra niente e già questo potrebbe far ragionare sulla scrematura iniziale). Dal punto di vista del design applausi al Pagio (il Game Director di LW). Per la realizzazione artistica non premiare Dream Chamber sarebbe una bestemmia. Ma come dicevo, plausibilmente, Lone Wolf su tutto. Anche perchè i valori di produzione in ballo sono talmente diversi da tutto il resto che boh, forse il problema da risolvere in futuro dovrebbe essere proprio quello di separare un pochino i prodotti all'inizio. Bon, esco. Ciriciao.

***** Oh, se ne vuoi parlare mi trovi su Twitter quando vuoi @eldacar79

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...