14 febbraio 2017

SOPRAVVIVERE IN FOR HONOR: STANCE, GUARDIE, REVENGE MODE E OCCHI DIETRO LA TESTA


Oggi sarebbe la festa degli innamorati ma le cose importanti sono ovviamente altre. Tipo che esce, pensa un po', quel gioco di cui parleremo tutta la settimana sul blog perchè è giusto così. Quel gioco che da masterizzare non è proprio easy ma dopo tipo 70 ore tra Alpha e Beta varie, qualcosina la spieghiamo pure dai.
Con i precedenti titoli protagonisti de Il Gioco della Settimana, siamo andati sempre in review al day one (Life is Strange, Homefront: The Revolution e Dead Island Definitive Collection) li trovate con un click). Teoricamente oggi sarebbe stato un giorno buono per uscire ma i server di gioco di For Honor sono andati up solo ieri sera (anche se un po' di single player sono riuscito a giocarlo appena dopo l'ultima Open Beta. Comunque, per non sbagliare, il voto arriva con calma questa volta ma ciò non impedisce di parlare un po' di ciò che è poi de facto il cuore del gioco: il combat system. Del sistema di stance con cui attaccare e parare i colpi avversari si è detto sostanzialmente tutto nelle scorse settimana. A direzione corrisponde mossa offensiva o difensiva. Se l'avversario è abbastanza agile da mettersi in posizione giusta, lo scontro può andare avanti virtualmente all'infinito. Ma è qui che si capisce in realtà l'importanza del padroneggiare le tecniche di rottura della guardia altrui, che è l'unica via di cambiare le sorti di un combattimento a volte. Tuttavia anche il Guard Break può essere interrotto da un altro Guard Break anche se poi in questo senso gioca un ruolo importante la classe selezionata (affrontare per esempio un Peacekeeper o un Berserker che sono i personaggi più utililzzati per uno stile basato sul dodging, aiuta a non farli scappare). Scontata è pure l'abilità di posizionarsi rispetto all'environment che dopo tante ore, diventa un'arma vera e propria con scontri sempre aperti se sarete così stolti da dare le spalle al vuoto o a pericolose trappole ambientali.


Costringere un nemico a pochi PF vuol dire niente se con un calcio o una spallata potrà lanciarvi sotto dalle mura di un castello quindi attenzione perchè molti, specialmente vichingi, puntano alla carica più che ad affettarvi la faccia con un'ascia. Anche il posizionamento del vostro alter ego rispetto ai rivali è basilare in For Honor, ovviamente, specialmente in condizioni di inferiorità numerica. L'importante è avere sempre qualcuno lockato e possibilmente tenerlo a vista sempre in linea retta, cercando di lasciare gli altri ai lati e continuando a fissare il rivale diretto. Questo perchè in realtà gli attacchi provenienti dai lati, a prescindere dalla stance dell'attaccante, potranno sempre essere parati con lo stick nella direzione giusta a patto, per l'appunto, che l'obiettivo principale (l'unico con cui mantenere la guardia sempre) sia quello innanzi a voi. L'altra opzione, che poi è quella più conveniente, è scappare e tornare con un paio di amici (discorso che vale anche in Dominio anche quando ci sarà una determinata zona da conquistare, perchè è meglio prendere tempo che venire accoppati e perdere preziosi secondi con il respawn). Last but not least, la Revenge Mode come poche altre cose, può determinare vittoria o sconfitta, specialmente nelle condizioni più difficili. Se attivata, aumenta il danno e la salute del vostro personaggio, con attacchi non parabili in nessun modo. In aggiunta proprio parando o buttando qualcuno a terra, ci sarà extra danno garantito sul malcapitato inerme con un'ulteriore opzione mazzata a disposizione. Anche in questo caso sarebbe meglio evitare i contatti e ripresentarsi con più calma nei panni della vittima mentre idealmente, da protagonista, spaccare più avversari alla volta sarebbe cosa buona e giusta. Consideriamo sempre che la Revenge Mode se non attivata, passa, dovendo poi ricaricarsi (anche  in funzione dell'equipaggiamento portato in dote).

0 Comments:

Posta un commento

Questo form è per dire la tua. Ricordati di registrarti con il tuo account Twitter/Google con un bel click sul colonnino a destra "Unisciti al sito". Pensa che è gratis e fa pure figo!