02 agosto 2008

I GIOCHI IGNORANTI



No, non è il seguito del bel film di Ozpetek ma una categoria ben precisa secondo me, bollata con un termine romano che rende bene l'idea. Ignorante infatti da noi, non è solo colui che ignora.
Ignorante in questo caso significa fico, semplice e terribilmente violento e devo dire che la categoria conta validissimi rappresentanti, che vi consiglio di recuperare caldamente (cinematograficamente parlando, potrebbe trattarsi di un film di Steven Seagal o di Chuck Norris, per capirsi). Il gioco ignorante per prima cosa, è un gioco da spararsi in un fine settimana al massimo. Non esiste il multiplayer, non dura più di 10 ore in genere e non richiede particolari ragionamenti: si prende il pad e si spacca tutto menando fendenti, cazzotti e catenate o quel che capita, a seconda del personaggio. Devo dire che ultimamente, avendo poco tempo, mi sto divertendo come un folle con tante piccole gemme, spesso sottovalutate, che riescono però dove tanti titoli più hyppati, falliscono: divertire. Sostanzialmente questi prodotti funzionano, nonostante la ripetitività. Recentemente ho finito tre bei pezzi di software: il primo è Conan (quello di THQ) che è uno degli esponenti che meglio rappresenta i concetti di cui sopra. Se amate il babbaro e vi piace Howard, lasciate perdere God of War (sarò pazzo ma essendo un fissato, gliel'ho preferito) e calatevi nei panni del cimmero. Tra teste, braccia e gambe mozzate, tutto fila che è una meraviglia e di combattimenti memorabili stile Kratos ce ne sono un paio che non hanno veramente niente da invidiare a quelli del più famoso cugino. Anche Viking: Battle for Asgard merita, arrivando addirittura alle 30 ore, che quasi stancano però. Quando sembra che stia per finire, arriva sempre un'isola nuova da sbloccare e una battaglia da organizzare. Sarà che io son pazzo di Creative Assembly ma un occhio lo merita tutto (tecnicamente poi, lascia il segno). Gli scontri campali poi, nonostante il casino, gasano di brutto. Last but not least, stanotte alle 6 ho chiuso The Bourne Conspiracy (preso il pomeriggio) che è un altro di quelli di cui s'è parlato poco ma che si difende bene. Certo, 6 ore sono pochine per 70€ (usato rulez) ma se la trilogia vi ha fomentato, nonostante l'assenza di Matt Damon (che per qualcuno non è nemmeno un problema), questo non potete proprio perdervelo. Dal primo all'ultimo secondo, scontri spettacolari a colpi di QTE e combo devastanti, utilizzando praticamente ogni centimetro a disposizione nei livelli che ricalcano al 90% le ambientazioni della prima pellicola. Una figata vera, il giorno in cui avrò un mix di questo con gli script e l'aria di CoD, per 20 ore, avrò trovato il gioco perfetto. Se la settimana del 15 siete a casa al caldo senza una mazza da fare, ve li consiglio (Conan tra l'altro, si trova a pochissimo se volete cominciare da lì, ve lo portate via con 25€ circa da Blockbuster).

7 Comments:

Posta un commento

Questo form è per dire la tua. Ricordati di registrarti con il tuo account Twitter/Google con un bel click sul colonnino a destra "Unisciti al sito". Pensa che è gratis e fa pure figo!