Passa ai contenuti principali

LA CONFERENZA XBOX: DEPRIMENTE QUASI FINO ALLA FINE POI IL CRESCENDO E IL MEGATON CHE CAMBIA TUTTO


Sono boxaro, più o meno lo sanno tutti. E avevo tanta paura di trovarmi a commentare una conferenza Microsoft allineata con quello che, sulla carta, parrebbe essere uno degli E3 più mosci degli ultimi anni per una serie di motivi. E invece salvataggio in corner, gioia e tripudio.
Il mio E3, come dicevo qui, per il 2016 è in versione casalinga per tutta una serie di motivi. Devo dire però che con l'aria condizionata, la birra fredda, i gatti, stuzzichini vari e il 65" rimpianti veramente zero. Certo, sempre meglio esserci, ma 'sto giro va così. Comunque riprendendo il discorso iniziale, tanta paura. E parlo da utente, prima che da dev e tutto il resto. E la paura, onestamente, è andata aumentando dopo i primi minuti, Gears ok ma non è il gioco che aspetto di più. Forza Horizon idem. Ma sono brand di peso e c'è poco da dire. La demo di Final Fantasy è stata ridicola: presentare una roba così giocata in diretta è controproducente ma ci passiamo. Meglio Scalebound, che di Final Fantasy pareva il DLC, in ogni caso pure lui presentato in modo decisamente brutto da vedere. E a metà conferenza c'era già chi parlava di ritmo ok e tanta ciccia: io mi volevo suicidare. Minecraft vabbè, non credo sia neanche più da commentare e vedere Carmack tirato in mezzo a quel teatrino mi ha fatto imbruttire ulteriormente. Recore...che palle. Insomma moltissimi bassi, pochi alti. Mi è piaciuta un casino la questione dei pad custom e We Happy Few ma temevo veramente il peggio: la peggiore press conference degli ultimi anni a dirla tutta. E invece? E invece rush finale da 10 che riprende il 4 della prima ora e ti fa brillare gli occhiSea of Thieves è un gioiello, ci sono i pirati, c'è il multiplayer. Se penso alle ore spese tra Pirates! e il mai troppo celebrato (e sconosciuto) Sea Dogs di Bethesda è già winHalo Wars 2 che essendo bello la metà del primo, sarebbe già a posto. E poi State of Decayun fottuto capolavoro tra i pochi giochi (della vita) finiti più di una volta. Con multiplayer pure lui, non c'è storia.



Insomma da Dead Rising 4 in poi (Frank!), adrenalina a 1000 e poi, oh, Scorpio. "It's a monster" dicono nel video. E di quello parliamo. Piaccia o meno, Microsoft attacca e droppa la bomba che salva tutto e rilancia lo show. 2017 per la nuova macchina e nel frattempo Xbox One Slim a 299$ che è bella per essere bella e grande la metà va presa per forza. E gli indie? Dopo le comparsate sul palco dell'anno scorso, solo un reel dove ciò che spicca di più è il Gwent di CD Projekt passata, appunto, per studio indipendente. Che poi è vero ma fa un po' ridere. Fa pensare quanto sia importante pure avere il prodotto giusto al momento giusto e quel reel ogni volta ti leva l'anima. Certo, c'è Inside, di cui comunque mi interessa poco e niente. E per l'ennesima volta Cuphead che non ha una data neanche adesso. Vedendo gli altri ho pensato a noi nel 2014 e alle cose adesso in progress. E mi sono dato una martellata su un dito per passare oltre. Nota di servizio: tutto fantastico in termini di connessione e di qualità video su One ma per Dio...la traduzione simultanea è stata qualcosa di scandaloso. Fatta in maniera approssimativa, sul parlato. Non si capiva una mazza di quel che si diceva sotto e quelle poche cose che arrivavano sopra erano quantomeno concettualmente distorte. Comunque ricapitolando, un briefing da 4 pieno fino agli ultimi minuti, con una conclusione da 10 che salva tutto e lascia tutta la pressione su Sony che non porterà Neo, non annuncerà PlayStation 5 e dovrà darsi da fare solo di prodotto. Quindi farà vedere un video a caso di The Last Guardian e saranno tutti felicissimi. E vediamo che cosa tirerà fuori per gli studi piccoli, che sono quelli che ad oggi passano i contenuti che servono. Nel dubbio in ogni caso, prendete un PC con Windows 10 e state sistemati tutta la vita.