Passa ai contenuti principali

[PC REVIEW] SHOWER WITH YOUR DAD SIMULATOR 2015: DO YOU STILL SHOWER WITH YOUR DAD?


Una volta c'erano i simulatori di volo di MicroProse, così complicati da contenere nel box una maschera da applicare alla tastiera per conoscere bene tutti i tasti. Poi i tempi sono cambiati e le simulazioni pure, senza passare mai di moda. Oggi tra capre, pane, erba e trattori, spunta pure la doccia.
Si potrebbe definire geniale come idiota e di pessimo gusto. Si potrebbe dire tutto e il contrario di tutto. Si potrebbe persino dire che più che un gioco, fosse qualcosa di molto diverso, nelle intenzioni degli sviluppatori, ovviamente idolatrati da molti e bollati idioti da altri. Il punto è che il prodotto è su Steam al costo di 1€, circa 180.000 persone ci hanno giocato e le review degli utenti sono pure molto positive. Ma di cosa parliamo, quindi? Di base di un titolo casual, poco impegnativo e incredibilmente divertente nella sua stupidità. Ma non per me, in realtà. Si parla di un titolo senza pretese, come ce ne sono milioni su tablet, che ha centrato però l'obiettivo grazie al messaggio nascosto dietro un'opera che ha fatto discutere. Semmai il punto sarebbe capire se questo messaggio fosse stato realmente inserito dallo sviluppatore o l'idea di docciarsi con papà non fosse altro che una semplice provocazione per giustificare una settimanella di produzione ad esagerare e guadagnarci qualcosa. Mai lo scopriremo. In termini di gameplay, si parla di una sorta di collection di minigiochi in cui il giocatore, vestendo i panni di un bambino 8-bit, dovrà sempre centrare il padre giusto, in 3 differenti modalità. Endurodad, la prima, si basa sul raggiungere la doccia corretta nel minor tempo possibile. Dadathlon switcherà invece il bimbo randomicante (ce ne sono 3 di razza differente) e sarà complicata dalla presenza di un countdown. Dad Divisions è forse la più particolare, dovendo switchare di nuovo tra i bambini, raccogliendo papà in caduta libera dal cielo allungando le braccia. Detta così, fa abbastanza ridere e pressochè incomprensibile ma è veramente tutto e il video aiuta a capire. Esperimento sociale, videogioco, provocazione, scacciapensieri: visto il prezzo un giro anche solo per farsi due risate o scandalizzarsi si potrebbe anche ipotizzare. Almeno poi avrete qualcosa da dire sui forum tante volte uscisse fuori la discussione. Certo è che la produzione indie qualcosina di meglio potrebbe anche proporlo. Ah, i piselli dei grandi si possono coprire.


VOTO 6/10