Passa ai contenuti principali

[PC REVIEW] GAME CORP DX


La bellezza di Steam, delle volte, è avere un bel credito da parte e comprare tonnellate di giochi indie a 5€ al massimo. Perchè ogni tanto è bello avere anche qualcosa da giocare di poco impegnativo. E a volte, magari, anche di didattico.
Sicuramente Game Corp DX non è complicato come Gamebiz ma neppure come il più celebre (e casual) Game Dev Story di Kairosoft. Parliamo infatti di un giochino web di qualche tempo fa, portato su PC dopo il grande successo in rete. Idealmente, una simulazione della vita in uno studio di sviluppo, piuttosto semplificata ma comunque divertente e utile per comprendere (in maniera molto superficiale) le dinamiche dietro la realizzazione di un videogioco. Come dicevo nulla a che vedere con i più illustri colleghi ma Game Corp DX tuttavia funziona per quel che deve, catapultando il giocatore dietro le quinte dell'industria. Ecco quindi la necessità di costruire un ufficio, inizialmente piccolino e per pochi dipendenti e mano a mano sempre più grande e spazioso. Da Londra a San Francisco, dovrete affrontare diverse relocation per gestire progetti sempre più grandi e importanti e sbloccare diversi gradi di specializzazione per programmatori, artisti e designer con relativi tool. Ogni personaggio avrà la sua scheda con diverse caratteristiche: alcuni saranno degli stakanovisti per esempio, altri tenderanno ad addormentarsi sulla scrivania o ad essere poco produttivi. Il gioco racconta bene, con le dovute proporzioni, la curva che sta dietro la crescita di un team, con la necessità di partire in maniera soft e iniziare poi a parallelizzare le attività per aumentare il numero di uscite e la qualità, potendo competere con gli altri studi sul mercato e portando magari a casa un riconoscimento durante i Game Awards di fine anno. A giudicare il vostro lavoro, le riviste specializzate e ovviamente il pubblico, affezionato ai migliori franchise su piazza. Con gli anni vedrete fiorire tante realtà competitive ed evitare la bancarotta specialmente al più alto livello di sfida sarà uno dei vostri compiti da manager.



Lo stile grafico minimal non è il massimo ma la scelta è comunque azzeccata vista la proposta simpatica di Endless Loop, che gioca molto anche sull'ironia e sulle storpiature: da Vlampier con il suo Nuclear Box (ovviamente Vlambeer con Nuclear Throne, giusto per fare un esempio) fino ai professionisti che potrete assumere come Gabe N. o Sid M. (tra i più celebri, legati anche ad un discorso achievement per gli hunter più accaniti). Anche la personalizzazione dello studio gioca un ruolo importante nel lungo termine e mantenere un ambiente friendly con piante, statue, area relax con tutti i comfort e adeguati spazi per affrontare i meeting di produzione non dovranno mai mancare. La qualità dei prodotti sviluppati, dipenderà ovviamente dalle skill degli impiegati e maggiore sarà il numero di stelline portate a casa al momento della release, migliore sarà per l'appunto il feed della stampa (Kootako e VGN!) e la possibilità di ottime vendite (sempre trackabili attraverso chartz aggiornate al mese). Il tutto all'infinito, per cercare ad ogni sessione di migliorare un po' il percorso non sempre semplicissimo. Neanche 3€ su Steam e scimmia garantita per un po'. E magari imparate pure qualcosa dai.

VOTO 7/10