Passa ai contenuti principali

[MOVIE REVIEW] ANT-MAN


Il primo Ant-Man a fumetti di Marvel, il Dr.Pym, è stato anche uno dei fondatori degli Avengers. L'Ant-Man del grande schermo è invece Scott Lang, scassinatore professionista con un'etica in stile Robin Hood, destinato a salvare il mondo come i suoi più celebri supereroici colleghi.
Ant-Man è forse uno dei film meno colossali di Marvel ma allo stesso tempo uno dei migliori per diversi motivi. Se da una parte emergono i toni scanzonati e le battute degne di un Iron Man qualsiasi, dall'altra l'azione scorre via con un gran ritmo tra sequenze comunque spettacolari, personaggi azzeccati e tante chicche per gli amanti del cartaceo e dell'ormai nutritissima scuderia di cui fanno parte i vari Thor, Hulk, Capitan America e compagnia. Avevo sentito parlare della pellicola in toni entusiastici da diverse persone ma non pensavo che il livello della produzione fosse così elevato. Ant-Man è sostanzialmente una gran figata, perchè funziona e diverte senza mezze misure. Può piacere anche solo a chi è in cerca di intrattenimento nudo e crudo, senza troppe menate. Il piccolo mondo del personaggio interpretato da Paul Rudd è semplicemente fantastico: eserciti di formiche scatenati, campi di battaglia giganteschi ma minuscoli (clamorosa la sequenza finale con il trenino, a metà tra l'epicità e la demenzialità di scene come quella del trenino). Il tutto per contrastare il temibile Calabrone (Corey Stoll di The Strain), in possesso del segreto custodito gelosamente per molti anni dal Dr.Pym di cui sopra, con un Michael Douglas sugli scudi. Segreto relativo alla possibilità di rimpicciolire oggetti e persone, trasformando le seconde in micidiali e invincibili armi. Biologia e fisica quantistica dunque ma anche quel pezzo di femmina di Evangeline Lilly, già precettata per il ruolo di Wasp nell'annunciato sequel: Ant-Man and The Wasp, in uscita nel 2018. Su Sky Primafila a 3.90€ in HD oggi. Non c'è molto altro da aggiungere. Capolavoro.



VOTO 8/10