16 ottobre 2015

LA SCUSA UNIVERSALE PER SCRIVERE CAZZATE


Chi ha inventato Metacritic (e più in generale, gli aggregatori) è un fottuto genio. Si prende il lavoro di altri e si mette tutto insieme per la consultazione, agevolando l'utente nelle sue ricerche e fornendo di fatto uno strumento di confronto universale dove raccogliere pareri e critiche professionali (sulla carta) per avere/dare un'idea di cosa sia realmente questo o quel prodotto.
Un'idea di base eccezionale e utile, c'è poco da dire, se non fosse che Metacritic (o chi per lui), nel tempo, è diventato un grosso boomerang puntato sul culo di tutti quanti: operatori, utenti e compagnia cantando. Si perchè, per un PR, la media su Metacritic (e la reportistica in generale) è il modo di confrontarsi con i suoi colleghi all'estero, per esempio. Colleghi che però vivono in un paese dalla cultura differente e dal mercato regolato da dinamiche differenti che purtroppo, quando si tratta di numerini, non vengono evidenziate: conta solo il voto, per determiare il fail oppure no. Ecco quindi che il fottuto 4 (o un 6 o pure un 9 delle volte), diventa questione di vita o di morte e punto su cui attaccare i giornalisti. E i giornalisti che fanno? Essendo attaccati, non possono neanche permettersi di non farsi piacere un gioco "perchè la media su Metacritic è differente". Conseguenza logica? Il voto si uniforma, sticazzi dell'oggettività e chi è fuori media è un povero pirla. Se andate a vedere però, molto molto molto spesso, capita che la voce fuori dal coro, non sia quella sbagliata ma l'unica vicina al feedback dei giocatori (che sono quelli che tirano fuori il grano e il prodotto se lo sparano veramente, dal primo all'ultimo minuto, senza condizionamenti fatta eccezione l'essere fanboy di qualcosa). Metacritic, a un sito italiano, non porta sostanzialmente redemption di nessun tipo in caso di voto conforme alla media.


Gli unici rientri importanti dall'estero, avvengono con i titoli top in caso di votoni esageratamente fuori media (il primo o l'ultimo della lista in genere, vedere Halo: ODST ai tempi di Eurogamer), perchè l'utente USA si arma di traduttore di Google e cerca di capire perchè su IGN 10 e da un'altra parte 4. Metacritic, oltre a una serie di testate importanti, contiene una pletora di siti che pur facendo media, non contano una sega, fatti da gente che non capisce una sega. Però, come dicevo, fanno media. Metacritic, pur avendo una sorta di selezione all'ingresso ha aperto sostanzialmente a tutti, blog compresi, continuando a tenere dentro, per esempio, anche riviste cartacee in caduta libera solo per una questione politica. Il concetto di fondo comunque è che, pur essendo uno strumento utile, portare a supporto di qualsiasi tesi legata a un giudizio "l'ha detto Metacritic" è una cappellata di proporzioni spropositate e al 95% la scusa universale che serve a chiudere discussioni altrimenti infinite. Occhio quindi (al gioco, al publisher, a chi firma gli articoli)!

5 Comments:

Posta un commento

Questo form è per dire la tua. Ricordati di registrarti con il tuo account Twitter/Google con un bel click sul colonnino a destra "Unisciti al sito". Pensa che è gratis e fa pure figo!