Passa ai contenuti principali

[MOVIE REVIEW] INSURGENT



Eccoci arrivati alla seconda puntata della saga, dopo esserci abbastanza goduti la visione del primo capitolo. Sarà allo stesso livello del predecessore? Sarà una zozzata? Sarà una figata stratosferica? Daje che forse ve lo dico.
In principio erano le fazioni: abneganti, candidi, pacifici, intrepidi ed eruditi, senza dimenticare naturalmente i nostri eroi: i divergenti. Gli esclusi sono esclusi quindi non c'è molto da dire al riguardo. Giusto per fare un attimo di recap per chi non ricordasse una cippa del primo film, la saga ha luogo in un fantastico mondo distopico dove chiunque viene assegnato ad una delle fazioni a seconda delle proprie attitudini, determinate grazie ad un test da fare in giovane età. Ovviamente Beatrice, la nostra protagonista, fallisce il test e viene fuori che è talmente figa che potrebbe benissimo fare parte di tutte le fazioni indistintamente e proprio per questo, la capa del suddetto mondo le da la caccia in ogni modo possibile. Alla fine del primo episodio Beatrice insieme al suo istruttore e fidanzato Quattro, guida una ribellione contro gli eruditi che, essendo al governo, ordiscono inganni e macchinazioni varie ai danni delle altre fazioni. Bene. Alcuni degli intrepidi, tra cui Tris e Quattro, si rifugiano a questo punto in un villaggio di pacifici (scelta non troppo geniale, azzarderei, vista la leggera differenza tra le reazioni degli uni e degli altri a un qualsiasi stimolo esterno) e proprio qui iniziano a nascere le prime tensioni all'interno del gruppo. Nuovamente costretti a scappare, Tris e Quattro trovano aiuto presso gli esiliati, altra new fazione mai sentita prima e guidata, indovinate un po', dalla madre di Quattro che tutti pensavano morta (Quattro compreso). La donna che da tempo cercava di formare un esercito per compiere una rivoluzione ora è pronta. Non fidandosi troppo della bontà degli ideali degli esiliati, i due decidono di chiedere asilo ai candidi, dove devono dimostrare la loro onestà grazie al siero della verità (cosa che non sarà priva di conseguenze), per poi iniziare a pianificare un attacco insieme. Nel frattempo Tyrion Lannister Jeanine è alla ricerca del divergente perfetto per poter aprire un misterioso artefatto tramandato dagli antichi e contenente un misterioso messaggio che gli eruditi ritengono potrebbe essere un'ottima arma di propaganda. Guarda caso l'artefatto era custodito dalla madre di Tris. Quindi, in conclusione, Insurgent è più ricco di azione e armi supermegaliquidator che però sparano veramente, c'è più suspance e nonostante la soluzione dell'arcano un po' si intuisca verso la fine, trovo che si sia rivelato in generale più avvincente del primo episodio. Ciò non toglie che gran parte degli attori siano un po' cani e sembrino recitare ognuno secondo il proprio registro personale, fottesega che stiano girando un film insieme ad altre persone.



VOTO 8/10