Passa ai contenuti principali

XBOX 360: LA MIGLIORE CONSOLE DI SEMPRE COMPIE 10 ANNI


C'è chi dice sia stata il Dreamcast, c'è chi difenderà fino alla morte PlayStation 2. Sicuramente la scelta almeno per me ricadeva su una di queste due prima di incontrare la console Microsoft. Non è una questione di gusto personale e basta, intendiamoci. Il Dreamcast è arrivato nel momento sbagliato, al posto sbagliato. Eppure era una macchina perfetta (tralasciando il pad più odiato della storia). Giochi fantastici, hardware devastante. Un fallimento che ha alimentato la leggenda in ogni caso. PlayStation 2 è stata la rivoluzione. La console che ha definitivamente infilato nelle teste della gente il concetto di uso comune che giocare ai videogiochi poteva tranquillamente essere riportato con giocare alla Play in barba alle altre concorrenti, al PC e a tutto il resto. Però la 360 ha rappresentato tanto a livello di valore storico, almeno quanto le altre. Dopo l'attacco frontale a Sony con Xbox, miliardi spesi per entrare in un segmento monopolizzato dai giapponesi, l'incubo Xboy e anni di rincorsa, con Xbox 360 Microsoft ha ufficialmente occupato una posizione netta nel gaming, Non più una comparsa in affannato ritardo ma una valida alternativa all'offerta nipponica. In un mercato dominato dal Wii con le sue esclusive e la sua line-up di giochi aberranti, la scelta per il resto non è stata più un affare PlayStation only. E poi è ovvio, c'è anche del personale: ho comprato Xbox 360 al lancio e mentre il mondo si lamentava del Red Ring of Death, ha funzionato perfettamente fino a fino 2013, quando per romperla c'è voluto mio padre. Ho comprato Xbox 360 che ero ancora in redazione, passando con lei almeno un trittico di vite diverse lavorativamente parlando. Ho comprato Xbox 360 perchè i giochi multipiattaforma erano più belli, le esclusive più interessanti, Xbox Live anni luce avanti a quella zozzeria mal funzionante di Home (però oh, quella era gratis qundi ok!). Ho comprato Xbox 360 perchè mio padre l'aveva rotta, nel 2013. E sta ancora lì vicino alla sorellona che non si sa mai.