18 gennaio 2013

CES 2013


Che Las Vegas sia uno dei posti più di merda del sistema solare insieme a Los Angeles, c'è poco da dire. Il parco giochi per grandi del Nevada è stato per anni teatro del Midway Gamers Day, uno showcase della line-up del publisher che portava in USA giornalisti di tutto il mondo per una settimanella di bagordi e presentazioni.
Da giornalista infatti, ne ho all'attivo un paio mentre ai tempi di Leader, quando l'evento di fatto l'organizzavo per loro conto, ho collezionato altre tre presenze. Sommando questi viaggi ad altre trasferte varie arrivo con questa a nove settimane di vita a Sin City, quasi tutte allo splendido Mandalay Bay che ha sempre un po' alzato la media dei trip. All'attivo, c'ho pure un atterraggio di emergenza ad Albuquerque con il Maderna e il buon Apreda (e pensate che il super blog è nato proprio in quell'occasione) e una serie di giocate sfortunate al casinò (storica performance con 20$ a botta sul 19 alla roulette e terminato il budget due volte di seguito l'uscita: mi ha preso per il culo pure il croupier cinese). Il lungo cappello per dire cosa? Niente, che Las Vegas è una merda, di fatto. Ma il CES, beh, veramente tanta roba. Per la prima volta dopo New York e ComicCon, vado a una fiera non gaming, per seguire il gaming, e la differenza si vede. Il CES è una fiera che sembra adulta. I PR hanno la giacca e la cravatta, la stampa è attempata, la mainstream regna, si respira un'aria diversa. Si presentano Oled curvi, Audi che parcheggiano da sole, telefoni, gadget di ogni tipo. E videogiochi, ma con meno spazio. Ecco quindi l'occasione di incontrare una serie di persone che poi leggerete più avanti. Ci sono svariate cose in progress che non posso dire ma che prima o poi dirò. Parlo ovviamente delle questioni lavorative, del mio nuovo lavoro (già in progress) e di un paio di progetti. Al CES ho ovviamente presenziato per Wired (fenomenale il non essere riusciti a prendere un caffè con Maurizio Pesce in loco pure lui) e prossimamente leggerete tuttecose dall'altra parte (Oculus Rift, Shield e Piston, come da titolo). Per il resto, cosa dire? Si prepara la GDC e il 22 ho una scadenza importante. Poi magari parliamo pure di Cyberpunk e del male che mi ha fatto vedere quel trailer (c'entra Lone Wolf, pensate).

0 Comments:

Posta un commento

Questo form è per dire la tua. Ricordati di registrarti con il tuo account Twitter/Google con un bel click sul colonnino a destra "Unisciti al sito". Pensa che è gratis e fa pure figo!