Passa ai contenuti principali

LA SETTIMANA DI GAMES INDUSTRY, DI CICCIOGAMER E DI QUALCHE ALTRA COSA


Solitamente di sabato non posto, figuriamoci di sabato sera. Ma, oh, la settimana è stata complicata e non potevo far passare troppo tempo. Settimana intesa tra l'altro, tra interviste di un certo spessore, agguati alle star, giornalai e tante altre cose.
La questione che più di tutte ha calamitato l'attenzione del mondo questa settimana è stata Romics. O meglio: una cosa successa a Romics. Cicciogamer89, uno degli youtuber più famosi in Italia, è stato infatti aggredito con una nutellata in da feis da un hater e la cosa è diventata un caso nazionale. Ora, fermo restando che tutto questo può generare discussioni del genere giusto qui da noi, a me la pensata è venuta in relazione più che altro, come al solito, a chi ci sta intorno. Zilioni di paladini del bene e della giustizia quando si tratta di sessismo mentre un obeso, sticazzi, lo si prende per il culo senza problemi. Insomma se uno squilibrato tira i croccantini a una tipa dandole della troia, tutti schierati. Se a un obeso lo fai star male tirandogli la cioccolata il coglione è lui. Seppur trattasi di due minchiate, come dicevo, a me i discorsi di principio fanno impazzire e quindi niente, ho avuto un attimo di berserk per qualche deficiente con cui avevo interloquito in altre situazioni che, ovviamente, ha provato a giustificare l'ingiustificabile (sempre in ottica di principio) dando la dimensione delle cose e della sua maturità. Che se poi parliamo di maturità, anche se di tipo diverso, l'eco della vicenda è passato soprattutto per la stampa gaming che ha dato risalto alla cosa più del dovuto. E poco importa se un dev italiano, nel mentre, finisce su Games Industry (che insieme a Develop è il sito business più importante del pianeta), perchè in home è meglio il gossip da clickbait.



Ah giusto, lo sviluppatore sarei io e l'intervista, bella lunga, è andata online qualche giorno fa. A dire il vero qualcuno l'ha anche riportata, cosa a cui tenevo visto il messaggio per i giovani sviluppers sviluppatori che andranno a sentire a breve in Games Week, gente che gli dirà probabilmente che è la passione che conta. Pure John Hare è uscito dalla tomba, lasciando un commento che non lascia spazio a interpretazioni. Tanti i messaggi privati e le mail, soprattutto dall'estero. Qualcuno pure da qui per fortuna, fosse mai che qualcuno riesca a salvarsi in tempo. A proposito di Games Week, visto che mi è stato chiesto da parecchie persone: non saremo in fiera con Unit 4, non saremo in fiera per fare presenza. Forse farò una capatina il 14 per un paio di appuntamenti ma niente più, causa deadline in arrivo. Per l'inizio della manifestazione (in termini di date) forse faremo qualcosina ma non dipende esclusivamente da noi. E poi oh, tra un po' finalmente ci siamo con quell'altra cosa. Quella che veramente non vedo l'ora. Quella che arriva sarà una settimana ancora più lunga.