15 maggio 2016

VIAGGI, POSTI, BELLA GENTE: DOVE MI HANNO PORTATO I VIDEOGIOCHI


L'idea era quella di tenere una cornice con dentro ogni biglietto aereo utilizzato, per avere sempre davanti tutti gli angoli del mondo visitati. Non avrei mai pensato di rinnovare il mio ultimo passaporto con 40 timbri americani, un paio cinesi e tutti quelli non messi in Europa.
Vancouver, Toronto, Montreal, Seattle, San Diego, San Francisco, Los Angeles, Las Vegas, Atlanta, Austin, Raleigh, Irvine, Miami, New York, Dallas, Stoccolma, Uppsala, Helsinki, Copenhagen, Oslo, Amsterdam, Colonia, Francoforte, Salisburgo, Monaco, Berlino, Parigi, Montpellier, Nizza, Lione, Londra, Manchester, Brighton, Birmingham, Lipsia, Valencia, Donington, Brno, Montpellier, Shangai, Albuquerque, Edinburgo, Varsavia, Newcastle, Madrid, Barcellona, Bucarest, Edmonton, Zurigo. Ho cambiato il passaporto nel 2008 con 40 timbri americani, dicevo. Più o meno sono questi i posti visitati (a ripetizione in certi casi come Londra ovviamente, piuttosto che Los Angeles, Las Vegas o Parigi), causa videogiochi. Tralasciando paesini del cacchio dove poi, effettivamente, si svolgeva il press tour (da giornalista) o il meeting per altre questioni (per tutto il resto). E tralasciando, ovviamente, i viaggi fatti per puro sollazzo (tipo la Thailandia) e non finalizzati al lavoro, gli scali aerei e tutte quelle robe inutili lì. La bella abitudine di conservare ogni biglietto aereo dal 2001 in poi. Sono a 550 voli in 15 anni di lavoro che sono poco più di 3 aerei al mese in media! Considerando quei periodi in cui mi sono spostato meno (il primo anno di Play Press, il terzo di Leader e il primo di Eurogamer), ricordo con terrore (volare non mi piace) mesate intere all'estero ai tempi della redazione (perchè non funzionava come oggi con 1000 collaboratori per sito, in reda eravamo in 10 e facevamo tutto noi). Quando non c'erano gli unboxing, Patreon, LinkedIn con CEO presso me stesso e il mondo era più bello.

11 commenti:

  1. ilviaggiatorevideoludico3:08 PM

    dopo tutti questi anni passati a scrivere dovesti aver capito come si usa "piuttosto" correttamente.

    Per il calcolo delle miglia usa fligthdiary

    RispondiElimina
  2. Ma non avevi paura dell'aereo poi?

    RispondiElimina
  3. Anonimo3:12 PM

    però, deve essere un gran bel lavoro e una bellissima esperienza. io però penso che non potrei mai farcela, sono aereofobico.

    DarkLink

    RispondiElimina
  4. Una paura FOTTUTA per la precisione

    RispondiElimina
  5. @viaggiatore qui si dicono pure "robe" "cose" "nemmanco" "scendo a pisciare il cane". Il piuttosto lo uso come mi pare, aggiungerei

    RispondiElimina
  6. http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=3930&ctg_id=93

    Vergognati Elda :p

    RispondiElimina
  7. Sopproblemi. Piuttosto importanti pure

    RispondiElimina
  8. +tosto7:03 PM

    sei libero di usarlo come ti pare come i tuoi lettori sono liberi di farti notare l'errore come e quando gli pare attraverso i commenti.

    RispondiElimina
  9. Plaxo7:43 PM

    Quello che cercava di spiegarti e' che il concetto di errore e' piuttosto relativo in un blog con uno stile del genere

    RispondiElimina
  10. Un errorino può sempre capitare da una persona SUPERIORE come Elda.

    RispondiElimina

Questo form è per dire la tua. Ricordati di registrarti con il tuo account Twitter/Google con un bel click sul colonnino a destra "Unisciti al sito". Pensa che è gratis e fa pure figo!