Passa ai contenuti principali

[SERIE REVIEW] SCREAM (S.1)


Ti accorgi di essere anziano quando realizzi che Scream, il film, è una roba che ha già sulle spalle quasi un ventennio. E ti accorgi che sei anziano anche quando parti prevenuto pensando che non sia possibile tirar fuori qualcosa di buono da una serie ispirata proprio a quel vecchiume. E invece.
E invece Scream in versione serial è molto meno peggio di quanto si possa pensare. Se il film ha rilanciato gli slasher all'epoca, la serie potrebbe quasi ripercorrere la stessa strada in versione 2016. Perchè in fondo, questo Scream episodico, è divertente. Il genere slasher è di base quel tipo di horror in cui i protagonisti sono in gruppo, sono giovani e belli e muoiono uno dopo l'altro a causa di qualcuno con le palle girate arrabbiato per qualche motivo. Il giochetto dei personaggi appassionati di horror, al centro dell'horror, aveva funzionato con Neve Campbell all'esordio ed è stato riproposto anche questa volta, con un mondo di riferimenti alle regole del genere puntualmente confermate su schermo dall'assassino di turno. Ghostface è stato sostituito da un altro pazzo mascherato con la sua storia e anche in questa occasione, tanta pheega belle ragazze e muscolosi teen saranno squartati in maniera pittoresca nel corso dei 10 episodi che si chiudono, ovviamente, con un grosso punto interrogativo che apre a una nuova stagione o anche no. Tutto ruota interamente a un discorso di meta concetti che fanno sorridere. In apertura, per esempio, c'è una scena in cui un professore spiega proprio l'essenza del genere slasher, sottolineando come sia molto difficile quindi tirare fuori una serie TV dal concept. La negazione stessa di Scream, in Scream. E via di altre citazioni, comprese un paio su Netflix che ha prodotto il tutto in esclusiva. Insomma, un'idea intelligente come lo era stata quella in versione cinema due decadi fa, che scorre via tra sbudellamenti, gnocche in costume e gag divertenti. Di sicuro non dovete essere in cerca di nulla di diverso perchè questo è. E comunque, incredibilmente, funziona bene.



VOTO 7/10