Passa ai contenuti principali

[SERIE REVIEW] BOJACK HORSEMAN (S.1)


Pensate a una serie per certi versi simile a I Griffin ambientata però a Hollywood, in un mondo popolato da cinici esseri umani del business dello spettacolo, accompagnati da esseri antropomorfi che vivono, lavorano, parlano, interagiscono come persone qualsiasi. Immaginate un protagonista abituato alla notorietà, per aver dato vita a una ventennale sitcom di successo, Horsin' Around, ora caduto in disgrazia e vittima delle sue paranoie, dell'alcol e della sua misoginia nel pieno dei suoi 50 anni.
Ora immaginatelo con una testa di cavallo al posto di un volto normale e mescolando il tutto con uno stile vicino a una serie come Bob's Burger, avrete BoJack Horseman, che è poi il nome del protagonista. Un cinico metà uomo metà ronzino Dr.House-like, alle prese con la sua autobiografia nel tentativo di un rilancio negli ambienti che contano e alle prese con una serie di personaggi divertenti come Princess Carolyn, gatta persiana ex fidanzata di Bojack e sua agente, piuttosto che Todd Chavez, coinquilino tossico con buona dimestichezza del giapponese, arrivato a casa Horseman dopo un party e mai più ripartito. Con loro Diane Nguyen, ghost writer di BoJack per la stesura della bio e Mr.Peanutbutter, rivale canino del main character, impegnato in un reality casalingo a lui dedicato. La prima stagione, 12 episodi, è andata via liscia e mi ha strappato più di un sorriso con una bella impennata a livello di qualità e situazioni dopo la prima metà, indispensabile per capire e apprezzare anche tutta una serie di personaggi di contorno che completano il pacchetto (Pinky Penguin su tutti, editore sull'orlo del fallimento nonchè pinguino imperiale in giacca e cravatta). Parliamo di un'esclusiva Netflix creata da Lisa Hanawalt e lanciata negli USA la scorsa estate con buon successo, che ha portato a una seconda stagione uscita da pochissimo dall'altra parte dell'oceano (15 luglio 2015) e già disponibile dal momento del lancio anche qui da noi. Consigliata ai cinici, no ragazzini.



VOTO 7/10